Semplice preghiera epifanica


Grazie, Signore.

Perché Tu, nell’immensa Tua sapienza irradi della Tua luce anche il buio tetro dell’illusione e del sogno.

Perché Tu, nel momento in cui il piccolo si fa grande, ci insegni ogni giorno che è il grande che si fa piccolo, e che ciò che a noi tanto grande appare, non è che il solito piccolo granello di polvere svolazzante nel fumo dell’esistenza.

Perché Tu rispondi sempre alle preghiere in un modo che mostra tutta la nostra limitatezza e inettitudine: noi vorremmo le cose risolte con miracoli e grandi eventi, Tu riesci a risolverli con l’ironico specchio della realtà.

Perché sai come farci accorgere della grande sofferenza, che si fa poi così piccola in confronto a quella che immaginavamo così grande nei momenti di pace, in cui un lieve sussulto diveniva un grande dolore. Perché solo allora il dolore stupido e vano si mostra per quello che è, quando sa guardare quel dolore vero e mettersi a ridere per la sua vanagloria.

Perché Tu che hai visto il tuo Figlio unigenito sacrificato sulla Croce, non ti indigni di vedere questo Tuo immeritevole ed indegno figliolo adottivo che si lamenta e ti implora per aver sfiorato una spina, ma anzi riesci anche ad accoglierlo con gioia, quella gioia vera che irradia quell’Unico Padre cui prego.

Signore, grazie in eterno, e ti prego perdona ciò che tra queste parole porta malafede o fine impuro, perché se so che tali tracce sono presenti, so anche che presente è pure quello che conta.

 

Annunci

Informazioni su ishramit

Un essere umano, che in quanto tale vive, osserva, studia e crea; un bambino non troppo cresciuto e che di crescere non ha alcuna voglia, e che assolutamente non ha alcuna paura di mostrarsi bambino; un Cristiano, che crede nel Dio che vive nelle persone del Padre, dello Spirito e del Figlio, in Gesù Cristo, Verbo divino che ogni giorno si fa carne per portare il peso che quei bambini irresponsabili che ogni giorno lo crocifiggono non sono in grado di sostenere . Ci sarebbe poco altro da dire, ma nessuno lo dirà.

Pubblicato il 17 novembre 2012, in Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

  1. La tua dolce umile preghiera è certamente bene accetta a Dio.
    E’ una preghiera che si addice ai giovani che hai intorno.
    E’ il Dio sapiente, il Dio buono,amico e consolatore.
    Un abbraccio fraterno Michele a te e ai tuoi scouts.
    Angela
    Un abbraccio e prego con te Franco!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: