IL SORCIO


IL SORCIO

Ragazzi, noi parliamo spesso di animali, perché gli animali sono creature di Dio ed in quanto tali sono belli, interessanti, affascinanti, e penso che tutti voi siate d’accordo con me. Abbiamo visto come anche gli insetti possono essere belli da osservare, e sapete che si possono imparare molte cose osservandoli.

Oggi, però, voglio parlarvi di un animale a cui non si può voler bene, perché è un animale orribile e disgustoso, nonché pericoloso. Emana un odore tremendo e tutto ciò che tocca si rovina, le uniche parole che possiamo rivolgergli sono di disprezzo.

Esso è una specie di roditore, una specie di topo, ma è ben diverso dai topolini che vivono in campagna, e peggiore anche dei ratti che vivono nelle fogne e che ogni tanto escono fuori per far danni nelle nostre case, e che chiamiamo pantegane.

Questo è un topo, un ratto, un sorcio disgustoso e malevolo, ed è l’unica creatura che merita di essere disprezzata.

Questa orribile bestia abita, purtroppo, in quasi tutte le case, vive praticamente ovunque ci siano gli uomini. Se ne sta nascosto negli angoli più oscuri e sporchi e fa di tutto per non farsi vedere; a volte morde, e lascia ferite e malattie difficilissime da curare, ma soprattutto lascia in giro i suoi disgustosi escrementi, ed anche questi sono terribilmente pericolosi.

Non pensate che lo faccia perché ne ha bisogno: lui ci fa apposta, trae un grande godimento nell’insozzare le case degli uomini, soprattutto quelle più pulite, e soprattutto quelle in cui vivono le persone buone, che odia con tutto il suo cuore, minuscolo e irrancidito. I suoi escrementi, infatti, hanno il potere di mettere strane idee in testa alle persone: si inizia sporcando la casa, e si arriva a sporcare i cuori e le anime. Quello che più ama fare è dividere: è invidioso delle persone che si vogliono bene e le odia, le odia tantissimo: farebbe di tutto per cancellare l’amore.

Così, lasciando in giro le sue feci, provoca cose brutte come i litigi, ma prima ancora produce rabbia, invidia, gelosia, disprezzo per le altre persone, approfitta delle persone tristi per renderle cattive e far diventare tristi altre persone, impedisce che quelle felici si impegnino per migliorare la vita delle altre. Ma scendiamo più nel concreto.

Quando c’è un bambino che vuole bene alla sua mamma, lui si arrabbia e fa di tutto per farlo disubbidire, poi per far arrabbiare la mamma, quindi i due litigano e si dicono parole brutte.

Quando ci sono un papà e una mamma che si amano, fa di tutto per ricordare ad ognuno i difetti dell’altro, li fa litigare e fa succedere tante cose spaventose, per poi far soffrire anche i bambini.

Quando ci sono due fratelli, o due sorelle, o un fratello e una sorella che giocano e si divertono insieme e sono felici, lui cerca in tutti i modi di metterli uno contro l’altro.

Quando ci sono due amici che si vogliono bene, crea una qualche sorta di invidia e li mette l’uno contro l’altro.

Così il sorcio divide le persone, con i suoi escrementi, ma fa anche di peggio, e devo dirvi cosa può fare, perché ne stiate alla larga e vi liberiate di queste feci il più presto possibile, quando ne sentite l’odore.

Vi è mai capitato di fare una promessa, di volerla mantenere con tutte le forze per poi tradirla e sentirvi in colpa? Bene, lui avrà fatto di tutto per spingervi a fare quella cosa di cui vi vergognate, se ve ne foste accorti sareste riusciti a mantenere la vostra promessa.

Anche quando c’è un bambino che vuole, e lo vuole davvero, essere un bravo bambino, o un bravo studente, o insomma vuole fare qualcosa di buono, lui fa di tutto per portarlo su un’altra strada, una strada che renderà quel bambino un adulto triste, magari un delinquente o chissà cosa, e può anche riuscire a convincerlo che certe cose, che tutti sanno che sono bruttissime che non andrebbero mai fatte, siano belle e piacevoli. Le feci di questo sorcio, infatti, fanno credere ad un sacco di bugie.

Ma c’è una cosa che gli sta a cuore più di tutte, perché se non riuscisse in questo sarebbe finito, distrutto, sconfitto, e sarebbe costretto a morire di fame.

Il sorcio vuole dividere non solo le persone tra loro, non solo le persone dai loro sogni e dalla loro buona volontà, ma soprattutto vuole dividere le persone da Gesù, perché invece Gesù vuole che tutti siano felici, e per questo vuole essere amico di tutti, e stare vicino ad ognuno di noi.

Il sorcio odia Gesù, perché voleva essere come lui ed avere le persone tutte per sé. Ma non voleva, come Gesù, che le persone stessero con lui perché fossero felici, ma perché è una bestia orgogliosa e vanitosa, voleva ricevere tanti complimenti e lodi senza far nulla di buono. Questa bestia ha scoperto di non meritare di essere ringraziato e amato dagli uomini, ma non vuole ammetterlo e cerca di convincere gli uomini di essere buono per avvicinarli a sé, per poi nutrirsi dei loro dispiaceri e delle loro sofferenze, e magari anche della loro anima.

L’unico modo per tenerlo lontano dalla propria casa è essere amici di Gesù, stare vicini e uniti a Gesù, che lo scaccerà via come si fa con qualsiasi bestiaccia, e ci permetterà di essere uniti e felici, tutti insieme.

Penso che abbiate tutti capito di che razza di sorcio sto parlando, quindi non c’è bisogno che vi spieghi altro. Ricordate solo che per tenerlo lontano occorre innanzi tutto riconoscere i suoi escrementi e buttarli via, rifiutarli, e che per farlo è bene chiedere l’aiuto di Gesù, di cui questo essere ha paura e che può salvarci persino se siamo avvelenati e se, quindi, odiamo le altre persone e noi stessi. Ricordate: laddove c’è divisione, da qualche parte si possono trovare anche le feci di questo sorcio. Se stiamo uniti e ci vogliamo bene, invece, potremo essere felici e divertirci tantissimo, perché sarà la prova che anche Gesù è insieme a noi. 

Annunci

Informazioni su ishramit

Un essere umano, che in quanto tale vive, osserva, studia e crea; un bambino non troppo cresciuto e che di crescere non ha alcuna voglia, e che assolutamente non ha alcuna paura di mostrarsi bambino; un Cristiano, che crede nel Dio che vive nelle persone del Padre, dello Spirito e del Figlio, in Gesù Cristo, Verbo divino che ogni giorno si fa carne per portare il peso che quei bambini irresponsabili che ogni giorno lo crocifiggono non sono in grado di sostenere . Ci sarebbe poco altro da dire, ma nessuno lo dirà.

Pubblicato il 11 novembre 2013, in Bibbia, Mondo animale, Racconti con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: