Di chi si confessa senza prete


Gira da tempo la superstizione protestantizzante che ci si possa “confessare con Dio”, che non sia necessario raccontare “i fatti propri” ad un sacerdote, che Gesù Cristo non abbia istituito il Sacramento della Riconciliazione e via dicendo.
Non ho intenzione di citare i passaggi in cui tale Sacramento viene istituito perché certamente è cosa facile da trovare anche solo con google, ma vorrei proporre una semplice riflessione.
San Paolo scrive: se Cristo non è risorto dai morti, vana è la nostra fede.
Ma più in generale, se Cristo si è incarnato e ha voluto personalmente incontrare il suo popolo (e se continua a farlo ininterrottamente da più o meno 2000 anni) è chiaramente perché ce n’era bisogno, perché prima qualcosa non andava.
Così è anche per il perdono.
Anche prima di Cristo la gente poteva “confessarsi con Dio”, poteva chiedere perdono, anzi: facevano anche tanti digiuni, si mortificavano in vario modo, si facevano purificare; e non c’è dubbio che qualcuno sia stato effettivamente perdonato se possiamo dire che Abramo, Isacco, Giacobbe, Mosé e via dicendo sono santi, pur essendo tutti loro dei peccatori come chiunque altro.
Quindi sì, è possibile essere perdonati senza passare per il sacerdote, ma voler approfittare di questa possibilità significa chiaramente esporsi ad un pericolo mortale: prima della venuta di Cristo non c’era alternativa, bisognava aspettare l’ultimo giorno e vedere che succedeva, ma Gesù è venuto per rimettere i peccati, e decidere arbitrariamente di fare “come quelli di prima” significa nientemeno che rifiutare il Vangelo.
Ora, Cristo è venuto a rimettere PERSONALMENTE i peccati, poiché SOLO DIO può rimettere i peccati. E questo ha sconvolto tutte le carte in tavola: prima non c’era alcun modo (a meno che non si fosse profeti o giù di lì) di sapere se i propri peccati fossero stati perdonati. L’uomo era costretto a vivere nel dubbio, nella contrizione, nella penitenza, sperando che il Signore alla fine decidesse di rimuovere quelle catene. Con la venuta di Cristo, la peccatrice può andare da lui e ungere fisicamente i suoi piedi con l’olio profumato, asciugarli con i suoi capelli. Quando Gesù le dice che i suoi peccati sono perdonati, non esiste più alcun dubbio: è libera, non deve più mortificarsi, non deve più piangere. Ha la CERTEZZA del perdono, ed il peccato è dimenticato per sempre.
Così anche per chi si confessa dal sacerdote: solo così si può avere la certezza del perdono, perché chi si confessa da solo può pure convincersi che Dio vede tutto e quindi anche i suoi peccati, e che vedendoli li perdona perché è buono, ma nessuno glielo confermerà mai. Nessuno gli dirà: i tuoi peccati ti sono perdonati, va e non peccare più.
La confessione sacramentale elimina metà del dubbio sulla sorte eterna: resta ovviamente la parte che riguarda l’uomo, resta da vedere se siamo davvero decisi a vivere secondo il Signore e se davvero abbiamo cambiato vita, quindi se davvero desideriamo di vivere eternamente in Lui. Ma tutto ciò che riguarda la decisione di Dio è rivelato: se hai chiesto perdono per un peccato e ti viene detto che ti è stato perdonato, non c’è da aspettarsi nessuna sorpresa. È così.

C’è poi da considerare un ulteriore elemento, che in realtà è fondamentale: la superbia. Pretendere di potersi salvare da soli, pretendere di avere un filo diretto con Dio (quindi autoproclamarsi profeti alla vecchia maniera, in pratica) e di non aver bisogno di sentirsi dire di essere stati perdonati è esattamente ciò che facevano i farisei, che seguivano tutte le leggi e si sentivano nel giusto perché nella loro mente avevano fatto quanto dovevano. Chi si confessa da solo ha deciso che Dio deve perdonarlo perché nella sua mente sa di meritarlo.
Ma nessuno merita il perdono di Dio; esso è sempre gratuito e sommamente immeritato.
In fondo è lo stesso peccato di Adamo ed Eva che continua ad andare di moda ancora oggi. Non è vero che chi non vuole confessarsi non ne vuole sapere del prete, è Dio quello che dà realmente fastidio.

Annunci

Informazioni su ishramit

Un essere umano, che in quanto tale vive, osserva, studia e crea; un bambino non troppo cresciuto e che di crescere non ha alcuna voglia, e che assolutamente non ha alcuna paura di mostrarsi bambino; un Cristiano, che crede nel Dio che vive nelle persone del Padre, dello Spirito e del Figlio, in Gesù Cristo, Verbo divino che ogni giorno si fa carne per portare il peso che quei bambini irresponsabili che ogni giorno lo crocifiggono non sono in grado di sostenere . Ci sarebbe poco altro da dire, ma nessuno lo dirà.

Pubblicato il 3 dicembre 2014, in Bibbia con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: