Archivio dell'autore: ishramit

La conversione di Marcellino Pane e Vino

Si avvicina il triduo pasquale e mi è stato chiesto un commento su un’opera molto conosciuta e a me molto cara, che con la Pasqua ha grande attinenza: Marcellino Pane e Vino, capolavoro di José Maria Sanchez Silva, che molti conoscono grazie allo splendido film del 55 in cui l’indimenticabile Pablito Calvo recitava nel ruolo di Marcellino.
Penso che molti di voi conoscano già questa storia, e chi non la conoscesse lo invito per lo meno a guardare il film prima di leggere questo articolo.

Marcellino Pane e Vino è la storia di questo bambino che, abbandonato alla porta di un convento di francescani, viene adottato e cresciuto dai frati. Questo l’inizio di una fiaba religiosa dalla profondità unica e sorprendente, che affronta con un linguaggio adatto anche a bambini molto piccoli (e – era la cosa più difficile – senza risultare indigesta agli adulti e ai bambini grandi!) i temi più importanti dell’esistenza, primo fra tutti la morte. La storia finisce infatti in un modo che non può che lasciare il segno in chi l’ascolta, perché l’estrema dolcezza della narrazione esplode in un sublime connubio con la durezza della Croce, dando giustizia ad uno come Silva, che in quanto autore profondamente cristiano non poteva che scrivere opere profondamente scandalose.

Annunci

Il Purgatorio di Laura

Una ragazzina bionda, con il bel faccino tutto rosso di pianto, se ne stava rannicchiata in un angolo di una stanza buia, limitandosi a singhiozzare perché le lacrime le erano finite. Il lungo camice bianco che aveva addosso era macchiato dalla vistosa impronta di sangue secco, simile ad una grossa mano che incombeva sul seno ancora acerbo.

Dietro le palpebre, i suoi occhi, bellissimi benché arrossati, percepirono una luce e si schiusero. A pochi passi da lei c’era un bambino più piccolo di lei, tutto nudo, che le veniva incontro.

«Sta lontano da me! Ti farei del male!» gemette, allungando un palmo verso di lui.

Il bambino non le diede ascolto. Si avvicinò e le prese la mano, quindi si avvicinò ancora.

«Laura» le disse «chi ti ha fatto male?»

«Nessuno mi ha fatto male!» esclamò lei, indignata «io sono stata cattiva, lo zio è sempre stato gentile con me e io… Io sono un’ingrata, e sono sporca e…»

«Laura» disse ancora il bambino, toccandole la guancia «a me puoi dire la verità.»

La fanciulla rimase in silenzio, a tremare. Poi alzò lo sguardo e li vide. Sulla fronte del bimbo c’erano segni sanguinolenti. Segni di spine.

«Sono stata io?» chiese, addolorata, e le uscirono due lacrime da un occhio.

Il bimbo sorrise e asciugò le lacrime con la manina. Laura si toccò la guancia e, guardandosi la mano, vide che c’era del sangue.

«Fammi… fammi vedere la tua mano.» sussurrò.

Il bimbo allargò il sorriso e mise la mano nella sua. Sulla mano c’era una grande piaga. Il foro sanguinolento lasciato da un grosso chiodo di ferro. Laura sentì un forte dolore al petto, vide la macchia e cercò di strofinarla via, ma non ci riusciva.

«Tu dovresti andare via.» disse, nervosa, sollevando di nuovo lo sguardo «Io non merito che mi tocchi. Io sono sporca… e cattiva.»

«Bambina mia, chi ti ha fatto male?» domandò ancora il bambino, prendendole la testa e stringendola contro il suo petto, su cui pure c’era un’altra profonda ferita.

«Nessuno mi ha fatto male, Gesù.» singhiozzò lei «È stata tutta colpa mia.»

«A me puoi dirla la verità, Laura.» ripeté lui, accarezzandola dolcemente. «Non nascondermi il tuo cuore, sono qui per guarirlo»

Laura strinse forte il bambino, e non lo fece con amore. Lo strinse con rabbia, perché una rabbia segreta si era svegliata sul suo cuore e la dominava. Lo strinse per fargli male, per togliergli il respiro.

«Mio zio! Io lo odio!» gridò, furiosa «È un mostro, una bestia, un maiale! E tu lo hai creato!»

«Sì, io l’ho creato» tossì Gesù, con il volto tra i suoi capelli profumati «e quando è nato l’ho benedetto.»

«Io voglio che tu lo mandi all’Inferno! Voglio che lo cancelli! Voglio vederlo morire con dolore e invocare pietà!» gridò ancora la ragazza, stringendo più forte.

«Io amo tuo zio, Laura.» disse il bambino, con un filo di voce.

Lei si indignò, allontanò da sé il bimbo e gli diede un forte schiaffo sulla guancia.

Gesù sorrise e la guardò con amore.

«Io lo amo, Laura.» ripeté.

Laura diventò tutta rossa e lo prese di nuovo a schiaffi. Poi di nuovo, e di nuovo, finché sul faccino candido non rimase il segno rosso della sua mano.

Allora la fanciulla scoppiò in un pianto dirotto. Le erano state date delle lacrime nuove e abbondanti, ma volle finire anche quelle. Le vennero i conati di vomito, le si tappò il naso. Quando si accorse che le erano quasi finite le forze, alzò la testa e trovò il bambino ancora lì, senza una minima nota di biasimo sul volto macchiato. Commossa, baciò più e più volte la guancia ferita e gli chiese perdono. Poi allontanò un po’ la testa per guardarlo bene, e vide che era bellissimo.

«Te l’avevo detto che ti avrei fatto male.» gemette.

«Io sono venuto per questo.» sorrise il Cristo, baciandola sulla fronte.

«Ma io non sono ancora pronta» confessò lei.

«Abbiamo tutto il tempo del mondo» la rassicurò lui, ed anche la fanciulla riuscì ad udire le innumerevoli voci che fin dall’inizio stavano cantando attorno a lei, ed il tempo sembrò accelerare mentre il suo cuore, sintonizzandosi con l’armonia, rallentava. Senza accorgersene, aveva di nuovo stretto a sé Gesù, se ne staccò quando si sentì bagnata.

«Tu perdi sangue» disse con un filo di voce, senza osare di spostare gli occhi da quelli del bimbo.

«Guarda pure, non avere paura» rise il bimbo, e prese tra le dita quella veste bianca. Nessuna lavandaia sulla terra avrebbe mai potuto renderla così bianca. Lei arrossì, vide il segno della sua mano sulla faccia di Gesù e la accarezzò dolcemente.

«Ma non ti resterà, vero?» domando, preoccupata.

«Solo finché ne avrai bisogno» le disse Gesù.

Rimasero ancora in silenzio, Laura contemplava con amore il volto di Gesù. Lui le sorrideva.

«Sai, ora non mi importa più niente di mio zio» confessò lei.

«A me importa invece, e voglio che tu preghi per lui perché si penta e si converta.»

«Lo farò con gioia» sorrise la ragazza «ma l’unica cosa che voglio è stare con te.»

Il sorriso di Gesù si fece ancora più radioso, al punto da illuminarla, ed ogni angoscia sparì dall’anima di Laura. Ogni paura, ogni dolore. Non ci fu più traccia di tutto ciò che le era entrato dentro, per sempre. Lo prese in braccio e si avviò verso la porta, che si aprì sulla luce eterna.

Le Pre-Persone, di Philip Dick (Finale)

A questo link trovate la registrazione della terza parte del racconto di Philip Dick: le Pre-persone.

Le Pre-Persone, di Philip Dick (parte 3)

A questo link trovate la registrazione della terza parte del racconto di Philip Dick: le Pre-persone.

 

Qua in un articolo di Tempi il racconto completo:
https://www.tempi.it/le-pre-persone-dick-autore-di-blade-runner-aveva-gi-previsto-tutto-nel-1974/

Le Pre-Persone, di Philip Dick (parte 2)

A questo link trovate la registrazione della seconda parte del racconto di Philip Dick: le Pre-persone.

Qua in un articolo di Tempi il racconto completo:
https://www.tempi.it/le-pre-persone-dick-autore-di-blade-runner-aveva-gi-previsto-tutto-nel-1974/

Le pre-persone, di Philip Dick (Parte 1)

A questo link trovate la registrazione della prima parte del racconto “Le Pre-Persone” di Philip K. Dick.

Qua in un articolo di Tempi il racconto completo:
https://www.tempi.it/le-pre-persone-dick-autore-di-blade-runner-aveva-gi-previsto-tutto-nel-1974/

Marcellino in Cielo (testo e audio)

IL DOLCE MISTERO CRISTIANO DI SORELLA MORTE, INTRODOTTO DA JOSE MARIA SANCHEZ SILVA NELL’INTRODUZIONE DI MARCELLINO IN CIELO

“I propositi che mi indussero a scrivere “Marcellino Pane e Vino” si completano oggi con questa serie di avventure in Cielo del piccolo Amico di Gesù. Perché si ricorderà che in “Marcellino” si parla spesso della Morte e si dice che si tratta di un racconto “dolcemente impregnato dell’idea della morte, così estranea alla maggior parte dei giovani”. A questo si aggiunga ciò che molti mi hanno fatto notare, e cioè che “è un vero peccato che Marcellino muoia così presto”.

Leggi il resto di questa voce

Il Purgatorio del ragazzo suicida

O Signore, Gesù Cristo, Figlio del Dio Altissimo

che a far giustizia ti chinasti

per l’orfano e la vedova,

ti imploro, dà pace alla mia angoscia,

dimmi, ti prego, che quel fanciullo triste

che il bocciolo del suo fiore volle gettar via

non è ora soltanto preda dei vermi e delle belve

dimmi che il suo flebile lumino

nel buio non si è spento. Leggi il resto di questa voce

Sotto il manto di Maria

Tu che la natura divina
rivestisti con quella terrena
non lasciare al freddo i tuoi figli
che già piangono per la gran pena.

Tu portasti in fasce il gran re,
lo scaldasti sul tuo seno materno,
non siam degni di questo confronto
ma non lasciarci nel gelo d’Inferno!

Col tuo manto ricopri la Chiesa
tua figlia, perché nasconda la nudità nostra
come Guido col santo Araldo
di quel Re figlio tuo, o Madre nostra.

Tu che libera nascesti
dalla vergogna di Eva
nascondi il colpevole rossore
che la speranza ci leva.

Un’anima nera, o Maria,
è azzurra sotto il tuo velo
quella perduta, o Regina,
la porti con te in Cielo.

Mi trovasti lì, dove le vergini copri
la mia vergogna coprì il tuo vestito
ma qui c’è spazio per tanti tuoi figli
stringili a te se il loro cuore è ferito.Santa Maria delle Vergini

La prima volta del Terrore

Giuliano Guzzo

rivoluzione

Apprendo da un amico che ieri, sulle seguitissime frequenze di Radio 24, i conduttori non si sarebbero risparmiati un acrobatico paragone fra le decapitazioni dell’ISIS e quelle avvenute grazie a «noi», con ciò intendendo le malefatte

View original post 599 altre parole