In oculo Serpentis

L’uomo ricordo che l’arma portò
che sì lungamenteˇil peso ne sopportò,

lui cheˆall’armi volle ribellarsi

e della morte portator farsi

di quell’angelo, così si credea ei fosse,

di lui volea far le membra rosse.
Forse davvero fu quel serpente,

forse lo fu solo giungendo finoˆa ponente

quel ch’io vidi, figli miēi, vedrete

del serpente placherò la sete.

In oculo Serpentis è la storia di un uomo che racconta la storia di un altro uomo che a sua volta narra la propria storia.
Giosuè Asclepiadei non aveva vissuto niente di davvero inusuale, questo fino a quando un ragazzo misterioso lo costrinse, a suo modo, a leggere un libro molto particolare, che lo porterà nella mente e negli occhi di Ishramit.

La storia di Ishramit inizia in un altro mondo. Subito egli dimentica tutto il suo passato, e di fatto non riesce a capire se, nel momento in cui si sveglia nei pressi di un fiume e viene accolto da un gruppo di persone che abitano nei pressi, da qualche parte possa celarsi qualcosa definibile come “passato”, o se sia effettivamente possibile nascere già adulti.

Giosuè ed Ishramit vivranno insieme un lungo viaggio: attraverseranno continenti, mari, secoli; conosceranno persone ed esseri difficilmente accostabili a quelli che comunemente chiamiamo “uomini”; saranno alle prese con le sorti del mondo, o forse solo con le loro.
Entrambi potranno dire di aver vissuto in prima persona questa storia, pur rimanendo persone fondamentalmente diverse e distinte, o forse no.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: