Archivi Blog

Le Pre-Persone, di Philip Dick (Finale)

A questo link trovate la registrazione della terza parte del racconto di Philip Dick: le Pre-persone.

Annunci

Le Pre-Persone, di Philip Dick (parte 3)

A questo link trovate la registrazione della terza parte del racconto di Philip Dick: le Pre-persone.

 

Qua in un articolo di Tempi il racconto completo:
https://www.tempi.it/le-pre-persone-dick-autore-di-blade-runner-aveva-gi-previsto-tutto-nel-1974/

Le Pre-Persone, di Philip Dick (parte 2)

A questo link trovate la registrazione della seconda parte del racconto di Philip Dick: le Pre-persone.

Qua in un articolo di Tempi il racconto completo:
https://www.tempi.it/le-pre-persone-dick-autore-di-blade-runner-aveva-gi-previsto-tutto-nel-1974/

Le pre-persone, di Philip Dick (Parte 1)

A questo link trovate la registrazione della prima parte del racconto “Le Pre-Persone” di Philip K. Dick.

Qua in un articolo di Tempi il racconto completo:
https://www.tempi.it/le-pre-persone-dick-autore-di-blade-runner-aveva-gi-previsto-tutto-nel-1974/

Le Prepersone (il cortometraggio)

 

Liberamente ispirato al racconto di Philip K. Dick “The Pre-Persons”, “Le Prepersone” è un cortometraggio di 20 minuti che volge lo sguardo ad un’Italia distopica in cui è già possibile liberarsi dei bambini indesiderati con la pratica dell’aborto post-natale, poiché la legge ha stabilito che solo a 6 anni l’essere umano diventa una persona.

Guardatelo.

(trailer)

Cortometraggio completo

Migranti

MIGRANTI

ovvero

COLORO CHE GRIDANO VERSO IL CIELO

“Maestro, che posto è questo? Perché siamo qui?”

Eravamo in piedi su uno scoglio, nel mezzo di un mare agitato, burrascoso. Alla nostra destra vi era il sole dell’alba, alla nostra sinistra, lontana, una spiaggia.

“Hai parlato a lungo dei migranti, ho fatto tesoro delle tue parole.”

“Quindi?”

“Ricordi la speranza nei volti di quelle persone, unita alla disperazione, disperazione per chi non ce l’aveva fatta, disperazione per le difficoltà che si trovavano davanti, la rabbia per un mondo impreparato ad accoglierli, indifferente alle loro sofferenze?”

“Sì…”

“Ho trovato molto belli i tuoi pensieri, mi sono commosso io stesso per le tue lacrime, per la tua emozione. Tuttavia, ho subito pensato che dovessi vedere anche un altro tipo di immigrati, che tuttavia subiscono la stessa sorte.”

“E lo vedremo qui?”

“In realtà potresti anche ricordartelo: anche tu eri un immigrato, dopotutto. Certo, ora è tutto finito, il mondo è stato in grado di accoglierti, ma non per tutti è così. Per molti raggiungere la terra è difficile, ed a volte non ci arrivano mai. Ma lo sai quanti corpi giacciono sul fondo di questo mare?”

“Non capisco ciò che dici, io non vedo nulla…”

“Osserva bene, qui davanti a noi c’è una corrente in cui l’acqua è più chiara, se ci infilassi la mano noteresti che è anche più tranquilla, ed è tiepida.”

“Sì, maestro, lo sento.”

“Guarda ora là, dove il sole sorge, proprio in questo momento stanno arrivando le prime barchette. Se guardi bene, noterai che all’inizio sono tutte su questa corrente.”

“Non riesco a vedere cosa c’è dentro, però…”

“Aspetta, ne abbiamo di tempo, aspetta che si avvicinino.”

“Ecco, una ha cambiato direzione, ma dove va?”

“Da nessuna parte.”

“Come sarebbe a dire?” Leggi il resto di questa voce

Veneto: vittoria pro-life contro l’oscurantismo femminista

Veneto: vittoria pro-life contro l’oscurantismo femminista

Calendar 24 agosto, 2012

La donna che intende abortire non deve essere informata, la sua non deve essere una scelta responsabile, nessuno le deve parlarle dei rischi e delle conseguenze del suo gesto, l’aborto non va limitato o scoraggiato, la Legge 194 non va applicata anche laddove parla di “prevenzione dell’aborto volontario”, non si devono trovare delle alternative ma deve rimanere l’unica soluzione per ogni tipo di problema, sia esso finanziario o di semplice timore della madre per un cambiamento di vita. La donna va lasciata solacon il suo problema, offrendole sempre l’aborto come unica e semplice soluzione.

Questo è il pensiero di certo femminismo moderno (ne esistono anche versioni sane, anche qui), di coloro che impediscono ai volontari del Movimento per la Vita di entrare nei consultori per tentare di prevenire l’aborto come chiede la Legge 194, offrendo un aiuto economico alle donne in difficoltà eaffrontando assieme a loro i problemi che le hanno orientate verso l’interruzione di gravidanza (il 90% degli aborti si potrebbe evitare facilmente con iniziative politiche). La richiesta di poter aiutare le donne a trovare una alternativa alla soppressione della vita umana che portano nel grembo è vista dallefemministe (non c’è un movimento moderno più nemico della donna di quello femminista, come abbiamo già fatto notare) di “Sinistra ecologia e libertà” (SEL) come una “caccia alle streghe”. Leggi il resto di questa voce

“L’obiettore è un buon medico”, parla Stefano Bruni

“L’obiettore è un buon medico”, parla Stefano Bruni

Calendar 28 luglio, 2012

Come abbiamo già informato, il 6 giugno 2012 la Consulta di Bioetica Laica (già nota per altre vicende) ha avviato una crociata contro il diritto dei medici di essere obiettori di coscienza nei confronti dell’interruzione della vita dell’essere umano nella prima fase della sua esistenza (tecnicamente “aborto”). L’intollerante campagna è stata chiamata “Il buon medico non obietta”, e ha il chiaro intento di debellare l’obiezione di coscienza dei medici (grande ospitalità sui media e volantinaggio fin dentro gli ospedali).

UCCR ha voluto contattare alcuni medici, giuristi ed esperti di bioetica per chiedere loro un parere su questa azione intimidatoria verso la libertà di coscienza. La prima intervista è stata fatta al dott. Renzo Puccetti, mentre la seconda alla prof.ssa Assuntina Morresi.
Leggi il resto di questa voce

Litterae ad Mortem

All’ombra scura,

Chi sono io? Dove sono?

Non riesco a capire, fino ad un momento fa ero… ed ora non sono…

Non riesco a capire, ricordo strane parole, padre, madre, diritti?
Non riesco a capire, perché? Ho ricordi vaghi, rari discorsi, si può… non si può… non posso… non ce la farei…

Ho freddo, molto freddo, prima invece si stava bene, e questa luce… fa male, e non posso aprire gli occhi. Ho degli occhi? Li ho già? Dovrei averne? Come faccio a scrivere? Che significa?

Mi sento… rifiutato (rifiutata? Perché questo dubbio, ora?), ho la sensazione che dovrei essere altrove, sento un vuoto nel petto e nel naso…

Tu, tu chi sei? Sento che anche tu… ti senti come me, vero? Ma lo sai come mi sento?
Ah, vorrei che non avessero parlato così tanto, quelle voci, vorrei che avessero taciuto, che importava, a me, che riconoscessero il mio vivere, il mio essere, il mio non essere? Potevano lasciarmi stare? Ma ora c’è silenzio, ora sto bene, non sento più quelle voci, non devo più chiedermi se quelli capiscano che sto sentendo, se si preoccupano della sofferenza di chi non può parlare…

E ora sono qui, sì, forse anche tu sei qui per farmi ricordare che sono un errore, una disgrazia, un peccato.

Ora sono qui… E penso tutte queste parole terribili, inutili, vane…

Le penso, perché sento che non è più mio diritto, anzi, quando mai lo è stato? Così tante parole, e nessun tempo per pronunciarle…

Ecco, alcune le sento ferme in gola, da tanto, da troppo… Le rivolgo a te, tanto che vale tenerle?
Dimmi, ombra nera, sei tu? La mia mamma?

Qualcuno che avrebbe voluto essere.