Archivi Blog

In Memoria di Babbo Natale

In Memoria di Babbo Natale

“La verità vi farà liberi”. Ecco, sì, liberi.

Forse è pensando a questo che mi sono convinto a farlo.

Perché in fondo la libertà non c’entra nulla con quello che è stato spacciato come tale negli ultimi secoli.

No. Il ribelle non è libero, anzi, è il meno libero tra i cittadini, perché in fondo è adolescente, dipende più di chiunque altro dal proprio “padre” ed è per questo che lo nega e lo combatte.

L’adolescente, infatti, la verità non la conosce, non più del bambino. Se quest’ultimo ama il padre vedendoci solo l’eroe, l’altro lo odia, vedendoci solo il traditore.

La verità è che il padre è sempre lo stesso: è semplicemente una persona. Non può dire di conoscerlo, dunque, chi non ha visto le sue brutture, come anche chi ne ha dimenticato la bellezza.

Essere liberi è essere adulti. Essere adulti è amare intimamente i propri genitori, vedendoli come semplici persone, sapendo di essere come loro, apprezzandone la bellezza senza l’ingenuità di chi è ignaro della bruttura. Essere adulti è aver perdonato i propri genitori.

(Babbo Natale è morto, capitolo 18: Scelte)

Cambiare pelle è dura, questo disse Kaa, il pitone delle rocce, a Mowgli il ranocchio che scopriva con dolore che “l’uomo torna all’uomo”, e che non c’è niente che possa evitarlo.

Non sempre è dura perché si è troppo affezionati alla propria condizione, o meglio: non sempre si è affezionati positivamente alla propria condizione. A volte si tratta di nostalgia, altre di vittimismo, o persino disperazione. Ci si può convincere che le cose non cambieranno mai, e che tutto sarà sempre così, senza un senso e senza una direzione.

Ma non divaghiamo. Leggi il resto di questa voce

Annunci

Il mio cristianesimo

“Beh, il Cristianesimo non è niente di tutto ciò. Certo, tutte queste cose esistono e corrispondono a qualcosa che è strettamente collegato a quell’altra cosa che chiamiamo Cristianesimo; tuttavia, con tutte queste diciture, e potremmo aggiungere anche quella di “fede cristiana” senza cambiare gran che, del Cristianesimo non abbiamo ancora detto nulla. Per questo non devi sentirti umiliato o in colpa per quello che ho detto prima: si può vivere qualcosa che non si conosce?”

[Alessandro Verti, Babbo Natale è morto]

E come si può parlare di qualcosa che non si conosce?

Di qui la polemica insita nel titolo di questo post: per questa volta non parlerò del Cristianesimo, di cui hanno parlato e continuano a parlare persone ben più pronte di me (in primis Cristo stesso), ma di quella manifestazione particolare dello stesso che posso chiamare “il mio cristianesimo”, inteso in termini diciamo “dispregiativi”, per rimettere ogni cosa nel posto che le spetta.

“Il mio cristianesimo”, infatti, traduzione de “il Cristianesimo”, non può che essere una visione ideologica di quest’ultimo, una visione che lo mostra diverso da quel che è. Tale diversità nasce in parte dalla pretesa tipicamente umana (fu la stessa a portare alla nota tragedia nell’Eden) di porsi al posto di Dio e decidere come “il Cristianesimo” dovrebbe essere, in parte dall’ignoranza, anch’essa tipicamente umana, che mi separa dalla vera intimità nel rapporto con Cristo: consiste fondamentalmente nella “scelta” di ciò che de “il Cristianesimo” mi piace, o di ciò che dello stesso comprendo, nell’eleggere alcuni aspetti mentre ne trascuro altri, nel non riuscire ad accogliere integralmente ciò che Cristo dona.  Leggi il resto di questa voce