Archivi Blog

La pedagogia (2)

Ma il pedagogista non si arrende, e si ostina a parlare dell’ “uomo nuovo”, quello che oggi descrivono come “destinato all’immobilità fisica”, “destinato ad essere sempre più avvolto in una macrorete informatica”, “destinato a non avere più un contatto con la natura ed un utilizzo congruo del proprio corpo”, eccetera.

Ipocriti, è inutile che continuiate ad usare questi termini: se anni fa potevate riuscire ad ingannare qualcuno, oggi non ci credete più nemmeno voi. Quello che abbiamo di fronte non è l’uomo nuovo, ma l’uomo posto di fronte al proprio limite ed all’annientamento della sua stessa umanità, smettetela con questa neolingua.
Hanno sostenuto i progetti di Hitler e Stalin, e per inerzia continuano a fare lo stesso gioco, la stessa disgustosa opera di ideologizzazione del futuro, in cui ci sarà “l’uomo nuovo”, il “mondo nuovo”, tutte queste novità che…

Pensate a come si possa intervenire, piuttosto che guardare rassegnati all’ “uomo nuovo” che, ve lo si legge tra le parole, fa cagare pure a voi.
Ma dato che vi impegnate tanto ad incentivare la “tecnologia nelle scuole”, dato che quando fate le vostre comparsate mediatiche non fate che lodare l’avvento del nuovo modo di affrontare il sapere, temo proprio che la lezione non l’abbiate ancora imparata.

La pedagogia potrebbe rappresentare quella forza in grado di cambiare il corso della corrente e spingere l’uomo ad incamminarsi su quella strada che davvero potrebbe in qualche modo essere chiamata “progresso”, invece non fa altro che immergersi nella corrente, e gloriarsi di essa.
Ma allora la pedagogia è del tutto inutile, qualcuno restituisca quelle braccia all’agricoltura!

 

Annunci