Archivi Blog

Il re sulle nuvole – capitolo II

II

Il deserto bianco

Il sole splendeva alto sulle loro teste, molto più grande e caldo di prima, eppure il cielo aveva perso il suo colore azzurro e l’astro sembrava galleggiare in un mare violaceo del tutto privo di nuvole.

Matteo e Artù si guardavano intorno meravigliati: davanti a loro, solo sabbia bianca; dietro di loro, altra sabbia bianca; alla loro destra sabbia bianca; a sinistra… bianco.

“Ho paura che abbiamo sbagliato strada, il sole sta ancora lassù.”

“Non lo so, fratellino. Qualcosa mi dice che siamo molto lontani da casa, adesso. Non ho mai visto un posto simile prima d’ora.”

Matteo guardò il suo cane con gli occhi e la bocca spalancati.

“A-Artù…”

“Che c’è? Perché mi guardi come se avessi visto un cane fantasma?”

“No no, a mala pena ti vedo, qui è tutto bianco…”

“Vorrà dire che il mostro del cimitero farà più difficoltà a vedermi, fratellino. Vedi? Non hai più nulla da temere, posso pure camminare come voglio.”

“Ma Artù… tu parli!”

“Parlo? Certo che parlo! Sei tu che di solito fai finta di non sentirmi.”

La voce profonda del pastore maremmano era del tutto nuova alle orecchie del ragazzo, eppure in breve tempo si convinse di averla sempre sentita, come un lieve sussurro di cui non si era mai accorto, ma che era stato sempre presente in qualche angolo della sua mente. Guardando il suo cane, Matteo si accorse anche che in realtà la pelliccia era molto più candida della sabbia, e che gli occhi scuri scintillavano di una luce nuova. Quello sguardo fiero andava ad incrociare in pieno il suo, e quando il bambino si avvicinò per coccolarlo e grattargli dietro le orecchie come faceva sempre, percepì qualcosa di diverso anche al tatto: il pelo era più soffice. Leggi il resto di questa voce

Annunci

Il Falco

Su nel cielo azzurro

in una primaveril giornata

di Febbraio

tra i grigi nuvoli e le fronde

vidi le brune piume di un uccello

che sbatteva l’ale come d’altronde

non potrebbe fare un monello.

Era il falco.

Falco io dico che non so

niente di ali, niente di piume,

niente di voli né di suoni.

Ma so che era un falco

che il Signore l’ha fatto

svolazzante e bello

e bruno

e dignitoso più del merlo

Non son scienziato in fondo

e non pretendo

di insegnar a discerner cero

e cedro

nessun altro lo vide e non può dire

“falco non era”

perciò ignorante rimango ma alemeno

ho volato sulle colline e sui boschi

e tra gli alti monti

fin sopra il deserto

e vicino ai ghiacciai sui vulcani

con il falco.

Anche falco non fosse

con lui son partito

e so che il cielo è bello

e che bella è la terra d’altronde

da lassù il male è sì piccino

e nessuno spaventa più, così affondato

in un mare di bellezza.